Cadavere nel congelatore, arrestata una coppia

    Shannon Graves (Websource/archivio)

    Un uomo ha conservato il corpo della sua ragazza in un congelatore con l’aiuto di un’altra donna, che ha finto di essere la giovane uccisa, spostandosi nella sua casa, utilizzando le carte di credito e prendendosi cura del suo cane. Arturo Novoa e Katrina Layton sono stati arrestati e accusati di occultamento di cadavere dopo che il corpo della donna è stato trovato lo scorso fine settimana in una casa vicino a Youngstown, Ohio. Per essere scarcerati dovranno pagare una cauzione corrispondente a circa un milione di euro.

    Sembrano esserci dunque pochi dubbi che quel cadavere ritrovato appartenga alla fidanzata di Arturo Nova, Shannon Graves, che aveva 28 anni quando di lei si persero le tracce. Si resta in attesa dell’identificazione ufficiale e informazioni sulla causa della morte. Di Shannon Graves non si hanno notizie da mesi, come spiegano lo scorso giugno dalla sua famiglia in una denuncia. Sua sorella ha detto ai media che gli amici l’hanno vista l’ultima volta a febbraio.

    Ha detto che non era insolita per Shannon Graves restare per qualche tempo senza contattare la sua famiglia. Ma ha aggiunto che non ha mai lasciato la casa senza la sua auto, il cane e il telefono. Il procuratore di Youngstown Dana Lantz ha affermato che nel periodo in cui della 28enne si sono perse le tracce, la Layton si sarebbe trasferita a casa di Arturo Nova e avrebbe appunto usato diversi oggetti personali della vittima, in modo da far pensare a un allontanamento volontario. L’uomo ha chiesto a un amico di tenergli il congelatore chiuso col lucchetto, ma questi si è insospettito e lo ha forzato, scoprendo l’orrore e avvertendo poi le forze dell’ordine.

    GM