L’artista in dolce attesa “tradita” da un virus: “In 2 giorni è successo l’irreparabile”

(Websource / Mirror)

Artista pluripremiata, pittrice, disegnatrice, e presto anche mamma per la seconda volta. Francesca Lowe era una 37enne con una vita piena e ricca di stimoli. Aveva studiato alla Royal Academy Schools ed esposto le sue opere a Londra, New York e Pechino, rappresentato il Regno Unito alla Biennale di Pechino al National Art Museum nel 2008 e vinto il Red Mansion Prize nel 2003 e il Deutsche Bank Pyramid Award for Fine Art l’anno successivo. Purtroppo un norovirus se l’è portata vita nel giro di un paio di giorni. Suo marito Gavin Nolan, anche lui artista, l’ha trovata morta nel bagno di casa, a Stoke Newington, Londra Nord, lo scorso 23 gennaio. Aveva da poco scoperto di aver contratto quel virus.

Dall’inchiesta condotta sul “caso Lowe” risulta che la 37enne si era sottoposta a un elettrocardiogramma per un soffio al cuore che aveva sin da bambina poche settimane prima di morire, come detto a causa di un norovirus manifestatosi con violenti attacchi di vomito. L’ambulanza è arrivata sette minuti dopo la chiamata di suo marito, ma purtroppo ogni tentativo di rianimarla è stata inutile: i paramedici non hanno potuto fare altro che dichiararne il decesso.

“Mi sono svegliato, sono andato al bagno e ho trovato Francesca lì – ha riferito Nolan – . C’era del vomito anche sul corridoio, e ho iniziato con la rianimazione cardiopolmonare prima di chiamare i soccorsi”. Al momento del fatale “collasso” Francesca era al sesto mese di gravidanza. Dopo approfondite analisi e accertamenti, e previa consulenza di diversi esperti, la causa della sua morte è stata attribuita a una cardiomiopatia, favorita dalla circostanza che era invita e aveva contratto un norovirus. “Un formidabile talento in ascesa – così l’ha ricordata la famiglia poco dopo la sua scomparsa – e una perdita incomprensibile per tutti noi. Te ne sei andata troppo presto. Riposa in pace, Cescie”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

EDS