“Era esempio di gioia e altruismo”, una città in lutto per Valentina

Valentina Nardino (foto dal web)

“Aveva tanta voglia di vivere e contribuire a far vivere gli altri”, con queste parole a San Severo ricordano Valentina Nardino, morta tragicamente sulla strada che collega la città dell’Alto Tavoliere a San Paolo di Civitate. Mamma di una bimba piccolissima, Valentina Nardino era socia dell’Avis e proprio i donatori di sangue sottolineano: “Oggi Valentina non c’è più e la piangiamo tutti perché persone così belle meritano di vivere. Lascia una splendida bambina, due cani, un’arpa, il suo guanto da falconiere e la sua valigetta da sommelier”. Nella nota, Valentina Nardino viene ringraziata “perché con il tuo entusiasmo hai insegnato a tutti cosa vuol dire donare il sangue: gioia, felicità e altruismo”.

Su un sito di informazione locale, si mette in evidenza la sua grande passione per l’arpa e si sottolinea: “Era una presenza garbata, preziosa, sempre straordinariamente affascinante”. La giovane donna – ricordata anche per la sua passione per gli animali e il suo lavoro di dog sitter – è stata vittima di un pauroso frontale mentre era a bordo di una Fiat 600 grigia. Nello schianto, è rimasto ferito il conducente dell’altra vettura, trasportato agli Ospedali Riuniti di Foggia. Sul posto sono giunti i carabinieri della locale stazione di San Paolo Civitate.

GM