Foggia, giovane commerciante accusa un malore e muore

Websource/Archivio

Alla fine non ce l’ha fatta, il commerciante di Foggia che durante il mercatino del venerdì ha accusato un malore è morto all’ospedale della città pugliese. Questo ragazzo di 34 anni originario dell’Albania e residente a Napoli, lavorava da tempo come ambulante spostandosi di piazza in piazza al fine di massimizzare le vendite. Venerdì mattina aveva montato il suo banco al mercato di Foggia, ma poco dopo le 9 ha accusato un malore ed è stato portato d’urgenza all’ospedale. Nonostante gli sforzi dei medici, il giovane si è spento poco dopo il suo arrivo in struttura.

Secondo il sindacato dei commercianti ambulanti (Unimpresa Bat) si è trattato di un malore causato dal forte caldo e dalle pessime condizioni lavorative a cui sono soggetti gli ambulanti. A sostenerlo è il sindacalista Savino Montarulli che parlando della tragedia afferma: “Le condizioni meteorologiche proibitive, con picchi di calore mai registrati prima e con fortissimi rischi per la salute potrebbero aver causato il decesso del giovane operaio”. Montarulli aggiunge che questa tragedia è la dimostrazione della necessità di un miglioramento delle condizioni lavorative nei mercati: “Non esistono le minime misure cautelari che siano appropriate rispetto a cambiamenti, anche climatici, che stanno incidendo fortemente su questa attività, non solo dal punto di vista economico ma anche psicologico e morale”.

Dopo aver appreso la notizia della morte del collega, i commercianti hanno deciso di chiudere l’attività per un giorno in segno di lutto. Successivamente il coordinamento delle associazioni e dei sindacati di Bari in collaborazione con la Bat hanno condiviso un messaggio di cordoglio indirizzato alla famiglia del giovane.

F.S.