Provano a salvare l’amica. La situazione diventa drammatica

(repertorio, Vigili del fuoco)

Un dramma si è consumato stamattina poco prima di pranzo sulla sponda bresciana del lago d’Iseo. Due le vittime, due coetanei 23enni, che facevano parte di una comitiva di amici giunti sulle sponde del lago in cerca di refrigerio. A un certo punto, sono stati attirati dalle urla di una loro amica in difficoltà e si sono gettati in acqua per aiutarla. Uno dei due amici è riuscito a portare la giovane a riva, ma si è poi reso conto che l’altro era andato a fondo.

Così è tornato sui suoi passi per recuperarlo, ma il tentativo ha avuto un tragico epilogo. Entrambi infatti hanno perso i sensi e sono stati soccorsi dal personale sanitario, intervenuto dopo la chiamata degli amici. Sul posto anche Carabinieri, Vigili del Fuoco e sommozzatori. Sono giunti sul lago d’Iseo due eliambulanze inviate sul posto da Brescia e da Milano. I soccorritori hanno avviato le manovre di rianimazione, poi uno dei due giovani è stato portato all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo, l’altro al Civile di Brescia. Per entrambi non c’è stato però nulla da fare.

Qualche giorno fa, una tragica fatalità ha scioccato l’intera comunità di un paesino del nord ovest: un bambino di 10 anni è morto nel parco Capanne di Marcarolo, a Molino Novo di Bosio (Alessandria). Secondo la prima ricostruzione il piccolo era poggiato su un masso che si trovava sulla sponda di un fiume. Improvvisamente il masso si è staccato facendo precipitare il bambino in acqua, nella caduta il masso gli è finito addosso e gli ha impedito di risalire a galla facendolo annegare.

Nel momento dell’incidente il piccolo, che era in vacanza con la famiglia, era in compagnia degli amici che hanno subito cercato di avvisare i soccorsi. Purtroppo la zona in cui si trovavano i ragazzini era impervia e ci sono difficoltà di comunicazione, dunque, i soccorsi sono arrivati con ore di ritardo. I vigili del fuoco con l’elicottero e l’unità di sommozzatori hanno estratto il corpo del bambino e gli operatori del 118 hanno cercato in tutti i modi di rianimarlo, ma per il piccolo era troppo tardi ed hanno potuto solamente dichiararne il decesso.