Il dramma di Don Piero: la sua prontezza ha evitato altre vittime

Don Piero Bocco (foto dal web)

Ancora un sacerdote morto in maniera improvvisa: don Piero Bocco 55 anni parroco a Bagnolo, nelle frazioni di Villar e Villaretto, San Biagio di Famolasco, in Piemonte, è morto d’infarto mentre a bordo della sua auto stata tornando da Cuneo. Il malore è stato improvviso, ma il sacerdote è riuscito comunque ad accostare l’auto evitando conseguenze peggiori per altri mezzi di passaggio. In base a quanto si apprende, don Piero Bocco, ordinato sacerdote nel 1989, sin dalla nascita soffriva di problemi di natura cardiologica. A trovare il suo corpo ormai esanime nell’auto è stata una pattuglia della Guardia di Finanza di passaggio.

Sconcertato il sindaco di Bagnolo Fabio Bruno Franco: “Stamattina presto quando ho appreso la notizia, sono rimasto fortemente scosso, come d’altronde penso lo sia rimasta tutta la popolazione bagnolese. Don Piero lascia un grande vuoto nella nostra comunità, era sempre disponibile con tutti, gentile, premuroso e sempre vicino alle persone in difficoltà. Ne sentiremo la mancanza”.

Nei giorni scorsi era venuto a mancare don Francesco Soccol, sacerdote 65enne. La tragedia nel bellunese, sulle Dolomiti. Alle 12.50 è infatti partita la telefonata al 118 per allertarlo riguardo a un escursionista colto da malore. Il sacerdote, originario di Belluno, si trovava all’esterno del Bivacco Cadore, in Val Stalata, sotto i Campanili di Popera, in compagnia di altri due amici, i primi a rendersi conto della gravità della situazione.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM