Lanciano, bimbo di un mese trovato morto in culla

(Websource/archivio)

I giovani genitori (25 e 30 anni) sono andati nella sua cameretta per svegliarlo, ma lui non dava segni di vita. Il loro bimbo di un mese era morto. Era domenica mattina quando il dramma ha investito questa tranquilla famiglia di Lanciano dove l’arrivo del bambino aveva portato tanta gioia e serenità. Quando i genitori si sono accorti che il piccolo non dava segni di vita lo hanno immediatamente trasportato al pronto soccorso, ma per lui i medici non hanno potuto fare nulla. I Carabinieri sono intervenuti e si sono recati nell’abitazione. Sul corpo del bambino non sono stati trovati segni di violenza e viste tutte le circostanze sembra abbastanza chiaro si tratto della cosiddetta Sids (Sudden Infant Death Syndrome ovvero sindrome della morte improvvisa dei neonati più volgarmente conosciuta come morte in culla.

Il pubblico ministero della Procura di Lanciano, Rosaria Vecchi, ha disposto l’autopsia che sarà eseguita domani mattina alle 8 dal medico legale Pietro Falco di Chieti. Si tratta di un atto dovuto anche se in casi come questo quasi sempre i medici non riescono a rintracciare una causa specifica che abbia portato alla morte. Così come prima del tragico evento non c’è alcun segno premonitore che possa far capire ciò che sta accadendo.

F.B.