“Ecco cosa la Polizia ha fatto a mio figlio”

(Websource / Mirror)

La Polizia del Tennessee l’ha arrestata e poco dopo il suo bambino ha riportato orribili ustioni mentre era sotto la custodia degli agenti, senza che lei ne fosse informata. Tracy Garth, dichiaratasi fin dal primo momento innocente dei reati che le venivano contestati e in buona fede, ha ora deciso di citare per danni la forza pubblica. Il piccolo, di soli due anni, si era scottato con dell’acqua bollente in una saletta del Commissariato, mentre gli agenti la trattenevano con l’accusa di una serie di violazioni del codice della strada. Dopo l’arresto, la 34enne ha perso i suoi figli e il suo lavoro.

Garth sostiene di essere stata tenuta in carcere per due settimane senza la sua borsa e senza poter fare neppure una telefonata, mentre i suoi due figli le erano stati sottratti. Nell’atto di citazione, depositato lo scorso lunedì, si legge che  seguito del suo arresto i bambini sono stati trasferiti presso il Dipartimento di Polizia di Franklin. E proprio mentre si trovava sotto la custodia degli agenti il più piccolo, di appena 2 anni, ha riportato orribili ustioni tirandosi addosso, come detto, dell’acqua bollente. A quanto pare, avrebbe premuto inconsapevolmente il pulsante di un distributore di acqua calda nella “sala break” del Commissariato.

Ebbene, Garth lamenta di non essere stata informata dell'”incidente” e di essersi accorta delle ustioni solo dopo il rilascio dal carcere. La 34enne originaria dell’Alabama ha fatto causa a diversi enti pubblici del Tennessee chiedendo 2,5 milioni di dollari di danni, a titolo di risarcimento per la “violazione dei suoi diritti civili durante la detenzione”. La Polizia di Franklin, da parte sua, ha dichiarato in una nota ufficiale: “Speriamo che l’opinione pubblica riconosca che ogni storia ha sempre due diverse angolazioni, e che le persone di cui ci prendiamo cura si rendano conto dell’importanza che attribuiamo ai loro diritti, alla loro incolumità e, soprattutto, ai loro figli”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

EDS