Si getta in mare per salvare le figlie: perde la vita

(websource/archivio)

Ancora un dramma del mare in Campania: la nuova tragedia si è verificata nel primo pomeriggio a Santa Maria di Castellabate, presso l’approdo de Le Gatte, nel Cilento. A perdere la vita è stato un uomo, Angelo Ferraioli, 51enne di Nocera Inferiore. Questi è deceduto nel tentativo di salvare le due figlie, che erano con un materassino e venivano trascinate via dalla corrente. Ci sono anche tre feriti lievi, tutti uomini della Guardia Costiera di San Marco di Castellabate, anche loro intervenuti per trarre in salvo le ragazze in difficoltà.

In precedenza si era verificato un dramma tra la Solara e la Pignatella a Sorrento. Un ragazzo di 31 anni  residente in provincia di Napoli si è tuffato insieme alle sua compagna sfidando il mare mosso. Dopo pochi minuti entrambi sono andati in difficoltà e, travolti completamente dalle onde e dalla forza del mare, non riuscivano più a tornare verso riva. Sul posto sono giunti gli uomini della Capitaneria di porto di Castellammare, diretti dal comandante Guglielmo Cassone. Una motovedetta, due mezzi privati presenti in zona e un elicottero della Guardia Costiera sono arrivati in pochi minuti in quel tratto di mare. Una volta a riva, ogni tentativo di rianimare il giovane si è rivelato inutile.