Autore di 132 omicidi: si nasconde in Italia

(Websource/archivio)

Si chiama Domenico Antonio Mancusi Hoyos, ha 54 anni ed è uno dei narcos più potenti e ricercati al mondo. Il pericoloso criminale ha al suo attivo 132 omicidi, ex capo dei paramilitari delle Auc (Autodifese unite della Colombia) si è reso protagonista tra le altre cose di traffico milionario di droga, assalti a villaggi, bombe nei centri commerciali, esecuzioni di politici e procuratori. Hoyos, dotato di doppia cittadinanza colombiana e italiana, arrivò nel nostro Paese per sfuggire al mandato di cattura internazionale. Fu arrestato dalla Guardia di Finanza a Imperia nel 2014 ma poi fu incredibilmente rimesso in libertà dai giudici perché non poteva essere estradato.

Adesso la Colombia lo rivuole indietro per processarlo, peccato che nessuno sappia dove sia. Che sia ancora in Italia è quasi certo anche perché in teoria in virtù del mandato d’arresto internazionale appena avesse messo piede fuori dai nostri confini sarebbe stato fermato. Hoyos ha vissuto solo apparentemente da povero in Italia, ma in realtà ha fatto grossi investimenti a Montecarlo con tutti i proventi delle sue innumerevoli attività illecite.

F.B.