Dopo l’ennesima lite la moglie perde la testa

(Websource/archivio)

Dramma famigliare a Basaluzzo in provincia di Alessandria. Dopo l’ennesima violenta e furibonda lite col marito una donna di 63 anni originaria del Mozambico ha preso un coltello da cucina e ha iniziato a colpire l’uomo con decine di coltellate. Una furia omicida incredibile ed inarrestabile avvenuta davanti al figlio di 24 anni che non ha potuto far nulla per fermare la madre in preda ad un vero e proprio delirio. La vittima è W.C., un italiano di 68 anni. La donna ha usato un coltello  con una lama stretta e lunga 20 cm e ha colpito il marito in particolar modo sulle spalle, al viso e al torace.

La donna dopo averlo ucciso è scappata di casa e dopo pochi minuti è stata fermata dai Carabinieri. Nella sua borsa i militari hanno trovato ancora il coltello insanguinato. La donna a quel punto ha confessato immediatamente: “Sono stata io, ho ucciso mio marito”. La 63enne ha spiegato che il rapporto con l’uomo era burrascoso ed era costellato da continue liti. Inoltre gli inquirenti hanno appreso che i due si erano separati tempo fa, ma che poi dopo un periodo la donna era tornata a vivere col marito a causa delle difficoltà economiche che non le permettevano di mantenersi da sola. Nonostante la situazione decisamente precaria nessuno poteva immaginare un epilogo del genere.

F.B.