Un onda lo fa cadere dalla barca ed il mare si riempe di sangue

Websource/Archivio

Stava viaggiando a bordo del suo catamarano a largo Hvar, Spalato (Croazia) in compagnia della moglie, quando, ad un tratto, un onda lo ha sbilanciato e fatto cadere con l’imbarcazione ancora in moto. Una volta in acqua il dottor Tito Sala, primario di Otorinolaringoiatria dell’ospedale di Piove di Sacco, è stato colpito dalle eliche del motore alla gamba: il taglio è stato molto profondo ed il mare si è riempito di sangue, facendo temere alla moglie che fosse accaduto l’irreparabile.

Poco dopo Tito è riemerso dall’acqua ed ha chiesto alla moglie di aiutarlo a risalire, quindi di comprimere la ferita con qualcosa per evitare di morire per dissanguamento. Il medico veneziano è stato portato d’urgenza all’ospedale di Spalato dove i medici sono stati in grado di compiere un difficile intervento di sutura e salvargli la vita.

A diffondere la notizia è stata la stessa moglie del medico, Giulietta De Perini, che in un lungo post Facebook ha scritto: “Non scorderò mai i mare pieno di sangue – ha scritto – e lui che chiedeva di stringere il più forte possibile la gamba. Ora è in rianimazione per rischio trombosi, io sono qui in una sedia di un ospedale croato da sola, ma felice perché almeno è vivo”.

La donna utilizza i social per sfogare la sua paura e la sua frustrazione, infatti, dopo aver comunicato a tutti che nonostante l’incidente il marito se la caverà, scrive: “Cancello tutto ciò che ho pubblicato su questo viaggio dell’orrore – continua la donna – mi dispiace per chi aveva apprezzato, ma voglio scordare ciò che ho vissuto, passeranno anni che io possa vedere il mare senza pensare al sangue”.

F.S.