Barcellona, la Polizia conferma l’attentato. “13 morti” – VIDEO

(Websource / Sun)

La Polizia ha confermato l’ipotesi dell’attentato terroristico a Barcellona. Ma per ora parla di una sola vittima e 32 feriti, alcuni dei quali in gravi condizioni. L’uomo alla guida del mezzo è armato e si è asserragliato in un ristorante turco, Luna de Istabul, con alcuni ostaggi, forse assieme a un complice. Il locale si trova vicino al mercato La Boqueria, e alcuni testimoni riferiscono di aver udito degli spari. Secondo quanto riportano alcuni media, è stato invece già arrestato Driss Oukabir, il giovane di origine maghrebina che ha affittato il furgone che ha investito la folla sulla Rambla, travolgendo numerosi pedoni nel centro della città. Non è chiaro al momento se possa essere lui il conducente del mezzo. Altre fonti, nel frattempo, riferiscono di ben 13 morti. E precisano che tra i feriti ci sarebbero anche dei bambini.

Le forze dell’ordine hanno circondato e isolato la zona dell’attentato, invitando cittadini e turisti a evitare l’area. Sul posto sono accorse numerose ambulanze ed è stata chiusa la stazione della metropolitana della vicina Plaça Catalunya. Molti negozi della zona hanno abbassato le saracinesche con i clienti all’interno. Le forze speciali sono pronte all’irruzione nel ristorante turco, mentre la Polizia tenta di negoziare con il terrorista. Il locale si trova presso il mercato della Boqueria, nella parte sud della Rambla. La Polizia avrebbe inoltre individuato un secondo furgone, che potrebbe essere stato usato come mezzo di fuga. Secondo i media spagnoli, tre persone potrebbero avere collaborato all’attacco. Attacco che, secondo la tv pubblica, non è stato opera di un lupo solitario, bensì un attentato organizzato, il che suggerirebbe quindi l’esistenza di una “cellula”.

EDS