Padova, picchiata e rapinata in stazione la mamma dei record

 

Websource/Archivio

Alessandra Bortoletto è la “famosa” mamma della famiglia più numerosa d’Italia (ben 14 figli). La donna, 46 anni, nelle ultime ore è tornata alla ribalta della cronaca per altri motivi però. E’ stata infatti aggredita e rapinata in stazione a Padova. Questo il suo racconto affidato a Facebook: “Ha afferrato la borsa ma anch’io l’ho afferrata con tutte le mie forze.

Mi ha trascinato fuori, mi ha trascinato. E io la borsa l’ho tenuta ancora più stretta, come si tiene un bimbo. Aspettavo le mie figlie davanti a piazzale stazione. Ho parcheggiato il mio Ducato, ero seduta al posto del conducente. Ad un tratto è entrato un extracomunitario nell’abitacolo, mentre un secondo faceva da palo. Ho capito che voleva la mia borsa, riposta a terra tra i sedili, vicino ai miei piedi”. Il racconto prosegue con la descrizione della colluttazione che c’è stata, con la donna che ha avuto la peggio. Nel tentativo di opporsi al rapinatore, infatti, la mamma è stata trascinata fuori e ha rimediato ferite alle gambe e ai fianchi. Le stesse ferite le ha poi fotografate e postate sul social network.

“Perché ho difeso quella borsa? – continua la donna -. Perché è un puzzle importante della mia vita, perché mi è stata regalata a un compleanno da persone speciali. Perché dentro alla mia borsa ho i disegni dei miei bambini. Perché quei pochi soldi che ho dentro, sono soldi nostri. Perché la mia borsa è parte della mia vita. Ho urlato con tutto il fiato che avevo, ma nessuno è intervenuto”. Al Pronto Soccorso la Bortoletto è stata medicata e i medici le hanno riscontrato una contusione al bacino, escoriazioni varie al braccio destro e gamba sinistra: 8 giorni di prognosi. Il racconto finisce con la beffa a cui è andata incontro: “Sono stata trascinata, picchiata nel tentativo di scippo e mi ritrovo con un ticket di 61 euro da pagare, credo che qualcosa non funzioni. Il dolore fisico passa ma il dolore dell’anima non si cicatrizza”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

M.O.