Barcellona, il tragico annuncio della Farnesina: “Due gli italiani morti”

Barcellona , il dolore dei familiari (JAVIER SORIANO/AFP/Getty Images)

“Ci sono due italiani tra le vittime e tre feriti”, ad affermarlo è il capo dell’Unità di Crisi della Farnesina Stefano Verrecchia, parlando dell’attentato di ieri pomeriggio a Barcellona, dove un terrorista a bordo di un cabinato ha fatto decine tra vittime e feriti. Una delle due vittime è Bruno Gulotta, responsabile marketing e vendite di Tom’s Hardware. La notizia della morte del 35enne è stata confermata dal sito specializzato in tecnologia. La seconda vittima si chiama Luca Russo, a Barcellona insieme alla fidanzata, ferita in maniera non grave. Già nella notte un suo amico su Twitter aveva lanciato l’allarme, non avendo sue notizie. Intanto, il numero delle vittime è salito a 14.

Bruno Gulotta, secondo quanto riferito, è morto davanti agli occhi dei due figli. “Era un amico, un padre e un collega. Era una delle colonne di Tom’s Hardware, un punto di riferimento per tutti. Ci mancherà tutto di lui. Un grande abbraccio a Martina e ai piccoli”, hanno ricordato i colleghi del giovane sui social network. Il 35enne era originario di Legnano e il sindaco della cittadina, parlando con le agenzie di stampa, ha affermato: “Ho letto la notizia dell’annuncio della morte del cittadino di Legnano Bruno Gulotta, pubblicato dalla ditta informatica dove lavora, la Tom’s Hardware, sul proprio sito web. Ma non abbiamo avuto sinora nessuna conferma ufficiale. In queste ore di ansia non possiamo che restare in attesa di comunicazioni ufficiali ed essere vicini alla famiglia. Mi recherò dai familiari”. Tra i sopravvissuti e testimoni oculari dell’attentato c’è il giovane romano Alessio Stazi, che attraverso Facebook ha raccontato quei terribili momenti. Nella notte, intanto, un altro attentato è stato sventato in Catalogna.

GM