Luca Russo, la seconda vittima italiana dell’attentato a Barcellona

Luca Russo (Facebook)

Purtroppo ci sono due italiani vittime dell’attentato di ieri pomeriggio a Barcellona, dove un terrorista a bordo di un cabinato ha fatto decine tra vittime e feriti. Una delle due vittime è Bruno Gulotta, responsabile marketing e vendite di Tom’s Hardware. Il 35enne è morto davanti agli occhi di moglie e figli. La seconda vittima dell’attentato si chiama Luca Russo,e si trovava a Barcellona insieme alla fidanzata, Marta Scomazzon, ferita in maniera non grave. Già nella notte un suo amico su Twitter aveva lanciato l’allarme, non avendo sue notizie. Anche sorella di Luca Russo, Chiara, aveva lanciato un disperato appello su Facebook: “Aiutatemi a riportarlo a casa. Vi prego”.

Luca Russo, 25 anni di Bassano del Grappa, nel vicentino, laureato in ingegneria a Padova lo scorso anno, lavorava per un’azienda di Carmignano del Brenta. Tante le foto sui social che ritraggono la giovane vittima di questo vile attentato sorridente, in compagnia della propria fidanzata, dopo la sua laurea o mentre si fa un selfie. Le autorità spagnole non hanno ancora confermato ufficialmente l’identità dei due giovani italiani deceduti ieri pomeriggio nell’attacco. Alle due vittime italiane dell’attentato a Barcellona ha dedicato un messaggio il premier Paolo Gentiloni: “L’Italia ricorda Bruno Gulotta e Luca Russo e si stringe attorno alle loro famiglie. La libertà vincerà la barbarie del terrorismo”.

GM