Modella rapita a Milano: “Potrebbe essere una montatura”

Chloe Ayling (foto dal web)

Proseguono le indagini sul rapimento della modella britannica Chloe Ayling a Milano. Nei giorni scorsi, c’era stata una nuova svolta con l’arresto di Michal Konrad Herba, fratello del principale sospettato, Lukasz Pawel Herba, nelle West Midlands. Per gli investigatori, sia la giovane, che l’inglese di origine polacca che l’avrebbe rapita, si sarebbero contraddetti durante gli interrogatori in Questura. Lo scrive il settimanale ‘Giallo’.

Spunta così la più clamorosa delle ipotesi: il rapimento e la messa in vendita all’asta non ci sono mai stati. Ovvero, si sarebbe trattato di una montatura messa a punto per creare visibilità a Chloe Ayling. A supportare questa tesi, il fatto che la modella aveva raccontato di aver assistito all’attentato degli Champs-Elysées del 20 aprile scorso a diversi siti di quotidiani britannici. Anche in quel caso, potrebbe essere stato un tentativo della giovane di ottenere visibilità. Questa la sua versione dei fatti agli inquirenti: “Dovevo vedermi per la prima volta con Andre, il fotografo, per un servizio, ma gli fu rubata l’attrezzatura. Per recarmi in aeroporto, per un mio errore, non ho preso l’auto che mi era stata prenotata. Non avendo soldi, gli chiesi di raggiungermi per pagare la corsa. Concordammo allora di rivederci a Milano, città ritenuta più sicura, qualche tempo dopo. Il 10 luglio arrivai a Milano, la mattina seguente avevo un appuntamento con Andre alle 9”.

Chloe Ayling aveva poi aggiunto altri dettagli al suo racconto: “Al risveglio, capii di avere solo il body rosa e i calzini, mi resi conto di essere nel bagagliaio di un’auto. Il mio rapimento ha coinvolto cinque persone, ma ho visto il volto solo di due di loro. Ho negato il coinvolgimento dell’uomo che mi ha accompagnato al Consolato britannico perché temevo ritorsioni nei miei confronti. Ho passato tutta la mia prigionia con l’uomo che si trovava con me al Consolato (Lucasz Herba, ndr)”. La modella aveva parlato di due uomini a volto coperto, sostenendo a proposito del suo presunto carceriere: “Mi teneva legata ad un mobile e mi costringeva a dormire a terra in un sacco a pelo, mi minacciava, diceva che se avessi tentato la fuga “loro” mi avrebbero ucciso”. Poi però aveva spiegato di essere rimasta spontaneamente insieme a lui nella baita di Borgial.

La giovane era stata contraddittoria anche nelle richieste sessuali: “Mi aveva fatto delle avances e io gli avevo detto che mi sarei concessa a lui una volta libera di andare via, lui una mattina si è masturbato a letto guardandomi nuda in doccia”. Ma in un primo tempo aveva detto: “Non mi aveva mai fatto richieste sessuali esplicite”. Anche Lucasz Herba si è contraddetto: “Soffro di leucemia, ho assoluto bisogno di soldi per le cure e tre romeni incontrati a Birmingham mi promisero 500mila sterline in cambio di un lavoro ben preciso: occuparmi dell’affitto di diversi stabili commerciali, non mi sono chiesto a cosa servissero, ero disperato. Sono stato io a chiamare Chloe spacciandomi per il fotografo. Poi i romeni mi dissero di cercare uno stabile a Milano che però garantisse la massima privacy: non si doveva vedere, dall’esterno, niente di ciò che accadeva dentro. Non avendolo trovato sono andato a Roma, ho viaggiato e dormito in auto e ho continuato a cercare nuovi posti in Italia”.

L’inglese aveva spiegato che quel giorno aveva notato l’annuncio di vendita di Chloe Ayling sul deep web: “Ho chiesto ai romeni dove si trovasse, me l’hanno detto e l’ho raggiunta. Sono stato con lei tutto il tempo, era libera di andare via ma ha scelto di rimanere. Non l’ho segregata e non l’ho maltrattata. Non sono andato a denunciare alla polizia perché temevo che questi romeni fossero molto pericolosi. La mafia russa? Non c’entra niente, è tutto inventato, volevo dare maggiore enfasi alla storia”. Appare soprattutto oscuro il motivo per il quale l’uomo avrebbe poi deciso di liberare la modella: “A quel punto decisi che avrei pagato il riscatto di 330mila euro, in parte coi proventi del lavoro per i romeni e in parte con prestiti di alcuni miei amici molto facoltosi”.

Nei giorni scorsi sono emersi nuovi dettagli sull’accaduto, con la modella che in un’intervista per il Daily Mail ha raccontato di essere stata drogata e di essersi svegliata all’interno di un bagagliaio con mani e piedi legati dentro ad un borsone. Un paio di giorni fa sono state rilasciate anche le prime immagini riguardanti l’asta sul deep web, Chloe è stata immortalata sul pavimento con un costume rosa e lo sguardo perso nel vuoto come se fosse sotto effetto di un potente sedativo.

GM