Il sindaco di Firenze inneggia ad Allah: “Nessuna offesa” – VIDEO

Dario Nardella con Renzi (ritaglio video)

Pioggia di polemiche per un fuorionda catturato al Meeting di Rimini, in cui il sindaco di Firenze, Dario Nardella, scherza con l’omologo veneziano Luigi Brugnaro, urlandogli “Allah Akhbar”. I due sin da subito sembrano scherzare, ma la Rete non la prende bene, ricordando soprattutto i 14 morti negli attentati in Catalogna. Così su Facebook, Dario Nardella è costretto a chiedere scusa “per alcune espressioni riprese in un video pubblicato online. Non era mia intenzione offendere alcuna persona, né tanto meno la comunità musulmana né scherzare sulla sua religione, né evocare i tragici fatti di questi giorni”.

Dario Nardella precisa: “Anzi, durante quel video prendevo le distanze dalle dichiarazioni del collega Brugnaro sui musulmani rilasciate durante il suo intervento ad un incontro al Meeting di Rimini. Chi mi conosce e conosce la mia amministrazione sa il modo con cui dialoghiamo con tutte le comunità religiose, inclusa quella musulmana moderata, come testimonia anche il Patto di cittadinanza che per primi abbiamo siglato in Italia”. Dopo le parole dell’ex vice di Matteo Renzi, quando il segretario Pd era sindaco del capoluogo toscano, arrivano quelle di Luigi Brugnaro, che a RepTv sottolinea: “Se uno grida Allah akbar in Piazza San Marco, noi gli spariamo. Parliamoci chiaro: se tu vuoi sparare me, io mi difendo”. Poi sul flusso di migranti sulle nostre coste: “Dobbiamo fare il blocco navale umanitario, ponendoci con le nostre navi militari a 13 miglia dalla costa libica. Salviamo tutti i migranti, poi quelli che non hanno il diritto di restare li rispediamo a casa loro con navi sicure”.

GUARDA VIDEO

GM