Il dottore rimuove una zecca dall’orecchio di un paziente – VIDEO

(Websource/dailymail.co.uk)

Il filmato in calce all’articolo mostra l’intervento in cui un medico rimuove una massa sanguigna dall’orecchio di un paziente. Il caso ha ricordato a molti quanto capitato nel 2015 a Matt Dawson, in passato capitano della Nazionale di rugby dell’Inghilterra, il quale era stato morso da una zecca mentre si trovava in un parco di Londra. E la puntura ha messo addirittura a repentaglio la sua vita. I casi di puntura di zecche sono in aumento in tutta la Gran Bretagna e possono portare al sorgere di gravi malattie, come ad esempio la sindrome di Lyme. Nel caso di Matt tutto ciò ha comportato una infiammazione al cuore che ha richiesto un intervento chirurgico molto delicato per il 44enne ex sportivo. Il filmato è stato girato con una microcamera per uso chirurgico inserita nel canale uditivo del paziente anonimo, e quando l’immagine si mette a fuoco, si può vedere l’animaletto che si appoggia sul timpano. Una visione che desta una certa impressione. Il medico riesce a staccare l’indesiderato ospite che sta succhiando il sangue dall’uomo usando un attrezzo chirurgico.

Rischio da non sottovalutare

Nella fattispecie di Matt, il campione di rugby confessa di essersi sentito malissimo nelle du settimane successive allo spiacevole imprevisto: “Ho avuto febbre e cefalea acutissime, mal di testa lancinanti in ogni momento”. Test ematici confermarono la sua situazione alquanto compromessa, per curare la quale allo sportivo vennero subito prescritti degli antibiotici. Purtroppo si era agito con ritardo, e questo aveva portato al sorgere della sindrome di Lyme, visto che i batteri trasportati dalla zecca avevano colpito i muscoli del cuore. Matt ha così dovuto sottoporsi a diverse operazioni cardiache, rimanendo in cura per 18 mesi. Ora tutto è tornato alla normalità, ma dovrà sottoporsi a controlli al cuore frequenti per il resto della sua vita. Altre celebrità hanno parlato della loro battaglia contro la sindrome di Lyme, tra cui Martine McCutcheon, Bella Hadid e Avril Lavigne. Gli esperti avvertono che la malattia, diffusa da zecche infettate con i batteri Borrelia, potrebbe essere classificata ufficialmente come un’epidemia entro il prossimo decennio. In Inghilterra e Galles ci sono 3.000 casi confermati di sindrome di Lyme ogni anno, secondo il ‘Public Health England’, un organismo del Ministero della Salute inglese. E le stime parlando di cifre che possono facilmente superare le 45mila unità.

Fate attenzione

L’infezione può portare a condizioni ben più gravi come la meningite o l’insufficienza cardiaca se non viene trattata adeguatamente, e può anche risultare fatale. In questi casi servono subito degli antibiotici, ma qualora dovessero passare anche degli anni senza fare nulla, l’impatto può essere devastante. Nel 25% dei casi studiati, la sindrome di Lyme porta anche all’insorgere di intorpidimento e problemi di memoria. Le zecche sono così piccole che molte persone non si rendono conto di essere state morse. Frattanto gli esperti hanno avvertito che la corretta rimozione delle stesse zecche è estremamente importante poiché un metodo errato può causare la rimozione delle parti della bocca di questi esserini, aumentando il rischio di trasmissione delle malattie. Si raccomanda di utilizzare un dispositivo di rimozione idoneo per diminuire la probabilità di contrarre i pericolosi batteri Borrelia.

S.L.

GUARDA IL VIDEO