Esce dal carcere dopo poche ore e chiama l’ex: “Vinco io”

(websource/archivio)

“Sono fuori, ho vinto io”, con queste parole un uomo di 68 anni, subito dopo la scarcerazione, si sarebbe rivolto alla propria ex di 39 anni. Lo stalker avrebbe raggiunto telefonicamente la donna per minacciarla. Secondo il racconto della vittima, infatti, non si sarebbe rassegnato alla fine del loro rapporto, tant’è che cinque giorni fa si era recato ancora una volta sotto casa dell’ex compagna, che vive con la madre di 63 anni. A quel punto, sono partite le minacce, poi gli insulti. L’uomo aveva già precedenti per atti persecutori, risalenti al periodo antecedente a giugno.

Sotto l’appartamento delle due donne giunse così la polizia, che arrestò l’uomo. Peraltro al 68enne era già stato intimato di stare alla larga dall’abitazione dell’ex, ma quei divieti non sarebbero stati mai rispettati. L’uomo era rimasto in manette solo qualche ora, poi era uscito dal carcere e tornato a minacciare le due donne. Ancora una volta, gli agenti di polizia, che hanno sorpreso lo stalker di 68 anni mentre seguiva la madre della sua ex, sono dovuti intervenire per arrestarlo. Per la seconda volta in pochi giorni e la speranza è che stavolta il provvedimento cautelare non venga vanificato con una nuova scarcerazione.

L’episodio ricorda la controversa vicenda di Luigi Garofalo, l’uomo di 46 anni accusato di atti persecutori contro l’ex moglie, Elena Farina. A fine aprile, il giudice aveva convalidato il fermo nei confronti di Luigi Garofalo e il suo avvocato, Fabrizio Bonfante, aveva sottolineato che l’uomo “non è il mostro che è stato descritto”. Il 46enne, a inizio maggio, aveva anche tentato il suicidio in carcere. Nonostante le rassicurazioni del legale dell’uomo, secondo Elena Farina, l’ex marito non si sarebbe mai rassegnato alla fine del loro matrimonio, durato 23 anni.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM