L’assalto dell’asino alla cavalla in calore: il fantino ha la peggio

(websource/archivio)

Due vertebre schiacciate e botte varie per 30 giorni di prognosi, come da referto del pronto soccorso dell’ospedale di Santorso. E’ questo il bilancio della furia di un asino in calore che ha letteralmente disarcionato un uomo, in sella ad una cavalla. Si chiama Matteo Cornolò la vittima di questo particolare assalto, gestore del rifugio Melegnon, in Veneto, che due giorni fa, in sella a una sua cavalla, per condurla in paese, nel passare nei pressi di una malga ha visto uscire dal recinto un asino a passo di carica. A quel punto, colpo di sorpresa, l’uomo si prende paura e ne ha ben donde visto che l’asino ha fin da subito avuto l’intenzione di “conquistare” la cavalla, peiché in calore. L’attacco è stato immediato e ad averne la peggio è stato proprio il fantino, che una volta a terra, nel tentativo di difendere la sua cavalla e calmare il focoso quadrupede, ha ricevuto due potenti calci. La cavalla, dal canto suo, pur subendo alcuni morsi, è riuscita a salvarsi dalla furia dell’altro animale, facendo ritorno al rifugio Melegnon. Contusioni e due vertebre schiacciate e tanta paura, alla fine, per Matteo Cornolò.

M.O.

TUTTE LE NEWS DI OGGI