Il piccolo Angelo non ce l’ha fatta, muore a 4 anni

Websource/The Sun

Gli amici della famiglia Quirino, di origine italiana ma trasferita a Manchester da diverso tempo, hanno condiviso oggi l’ultimo scatto del piccolo Angelo, bambino di 4 anni tragicamente scomparso nei giorni scorsi quando la sbarra di un cancello automatico gli è finita addosso causandogli un violento trauma cranico. La foto, l’ultima prima del tragico evento, è stata messa in una pagina di crowfunding che servirà alla sua famiglia per organizzare i funerali al piccolo.

La famiglia Quirino era scesa a Roma per le vacanze estive così da poter godere del bel tempo e poter riabbracciare i parenti lasciati in Italia. Il giorno dell’incidente Angelo si trovava nel giardino della casa affittata per le vacanze con il fratello più grande Diego. I due bambini stavano giocando a calcio, quando, per recuperare il pallone, il bambino è stato colpito dalla sbarra metallica che, in quel preciso istante, si stava abbassando.

Il fratello ha subito chiamato la madre la quale, capita la gravità della situazione ha tempestivamente avvisato i soccorsi. Il piccolo è stato trasportato d’urgenza all’ospedale, ma i medici non hanno potuto fare nulla per salvargli la vita. La madre Roberta ed il padre Amedeo hanno deciso che i funerali del figlio si terranno a Roma, li dove tutti i suoi parenti abitano, e verrà seppellito nel cimitero di famiglia.

Nessuno dei parenti ha voluto commentare la triste scomparsa di Angelo, ma il quotidiano britannico ‘Manchester Evening News’ è riuscito a strappare una dichiarazione ad una amica stretta della madre, Totara, che ha riferito: “Sono completamente distrutti. E’ una decisione che pensavano di non dover prendere. Roberta mi ha detto che tornare in Inghilterra senza di lui sarà orribile”.

Nel frattempo la polizia italiana sta indagando sull’accaduto, le forze dell’ordine hanno recintato la villa e stanno effettuando i rilevamenti del caso. Con ogni probabilità, trattandosi di un incidente, l’indagine sarà chiusa brevemente.

F.S.