Terrorismo, la simulazione di attentato finisce malissimo

(Websource/archivio)

Londra ancora sotto attacco. Questa volta era solo una simulazione, ma i risultati sono stati comunque pessimi tanto da essere tenuti nascosti per diverso tempo. Infatti il finto attacco terroristico messo in scena dalle forze di polizia britanniche ha fatto emergere un’incredibile e inaccettabile vulnerabilità di uno dei punti più sensibili di Londra: Westminster. Stando a quanto rivela in esclusiva il Telegraph nella simulazione i terroristi sono riusciti a violare il parlamento in meno di cinque minuti e hanno poi “ucciso” oltre 100 deputati. L’esercitazione avvenuta a notte fonda quando Westminster era chiuso per ferie crea non poco imbarazzo a Londra dove il tema della lotta al terrorismo è molto sentito dopo i recenti e drammatici fatti.

Gli esiti di questa simulazione non solo sono stati tenuti segreti alla popolazione, ma anche alla maggior parte dei parlamentari. A quanto si apprende i finti terroristi sarebbero arrivati dal fiume a bordo di un barca e in soli cinque minuti avrebbero fatto irruzione a Westminster pressoché indisturbati. Tra le enormi falle nella sicurezza riscontrate quella principale è apparsa proprio la mancanza di una barriera sul Tamigi che possa bloccare le imbarcazioni che tentino di avvicinarsi al Parlamento.

Nel frattempo il sindaco di Londra Sadiq Khan ha scritto su Facebook: «I terroristi vogliono distruggere il nostro modo di vivere, ma Londra è più unita che mai».

F.B.