5 euro un bicchiere d’acqua: ”E’ l’ora dell’aperitivo”

Gli aperitivi sono diventati ormai una moda che in molti cavalcano durante le serate della movida delle varie città italiane. Ma quella che arriva da Bergamo è una vicenda a dir poco incredibile, inerente proprio al consumo dell’aperitivo. In un locale del centro cittadino, due genitori con una figlia al seguito hanno prima ordinato due spritz, regolarmente pagati 14 euro, e poi hanno chiesto un bicchiere d’acqua per la bambina. Qui, però, arriva la sorpresa: la cameriera, infatti, ha portato una bottiglietta con tanto di scontrino da 5 euro. Increduli, i genitori hanno chiesto spiegazioni, ma il titolare del locale è rimasto fermo sulla sua posizione: “Sono 5 euro perchè si tratta di una consumazione in orario di aperitivo”. A quel punto i due hanno rimandato indietro l’acqua, hanno lasciato gli spritz già pagati sul tavolino e se ne sono andati. Un’uscita di scena dignitosa e che è stata fatta come schiaffo morale per un gestore molto poco flessibile e troppo fiscale.

M.O.