Alla fidanzata non piacciono i bimbi, così lui non ha pietà di suo figlio

(Archivio/Websource)

Lo ha fatto per evitare che la sua nuova fidanzata, diciassette anni, lo lasciasse. Questo è stato il motivo che ha portato David Creato Jr, ventitré anni, ad uccidere suo figlio di soli tre. Siamo in New Jersey, negli Stati Uniti.
In un primo momento l’uomo aveva riferito che il piccolo si era allontanato da solo da casa senza far più ritorno, ma la realtà era ben diversa.
La sua nuova fidanzata infatti gli aveva più volte fatto capire che non voleva bambini tra i piedi, invitandolo a lasciare la custodia esclusiva del piccolo alla sua ex.
Così, dopo molti mesi di indagini, il giovane padre ha ammesso le sue colpe davanti ai giudici raccontando i dettagli di questa storia raccapricciante che ha portato alla morte del figlio Brendan.

A seguito della denuncia di scomparsa del piccolo, esposta dallo stesso genitore, ad Haddon Township, nell’ottobre del 2015, in un bosco posto in prossimità della propria abitazione, era stato trovato il corpicino senza vita del bimbo.
In quell’occasione David Creato aveva dichiarato che il piccolo aveva aperto la porta di casa senza che lui se ne accorgesse, scomparendo così nel nulla. Nel gennaio del 2016 però l’uomo, nel mirino degli investigatori, era finito in carcere, proclamandosi innocente.
Sono state infine le nuove prove emerse a suo carico assieme alla proposta del procuratore che lo hanno convinto a confessare. Dieci anni di reclusione è la pena fissata ora per lui.
David Creato ha soffocato il figlio togliendogli la vita per evitare che la sua fidanzata lo lasciasse. La ragazza non è ad ogni modo mai stata accusata di nulla. Fine settembre è il termine fissato per la sentenza.
BC