La Corea minaccia il Giappone con un missile a lunga gittata

Kim Jong-un minaccia Tokyo e il Giappone. Nelle scorse ore ha fatto volare per 2700 chilometri, a un’altezza di 550, un missile che dopo aver passato Hokkaido si è spezzato in tre parti nel Mare del Giappone. “È una minaccia grave e senza precedenti”, ha detto il governo locale, anche se per la verità era già accaduto un episodio simile nel 1998 e poi nel 2009. Tuttavia, allora, Pyongyang aveva nascosto lo ‘scherzetto’ travestendolo da test per un satellite. E’ il diciottesimo missile lanciato da Pyongyang nel 2017 e la Corea del Nord, da allora, è diventata sempre più pericolosa. Sarebbe, infatti, già pronta un’atomica su un missile intercontinentale, capace dunque di raggiungere gli Usa. Sarebbe quello il limite che il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha giurato a Kim di non passare. Mon che è proprio il presidente eletto con la promessa di dialogare con il Nord e che dopo il triplice lancio dei giorni scorsi aveva invitato a non fare conclusioni affrettate. Ma certamente la tensione sale…

M.O.