Tragedia in un centro per tossicodipendenti: bimbo di 4 anni annega in piscina

(Websource / Sun)

Lo hanno ritrovato l’altro ieri pomeriggio privo di vita in fondo a una piscina in un centro di riabilitazione per alcolisti e tossicodipendenti. E’ stata comunque tentata un’estrema, disperata corsa in ospedale, ma ogni tentativo di rianimarlo si è rivelato inutile. La vittima è un bimbo di soli 4 anni, George Miller, di Weymouth, nel Dorset (Inghilterra), che stava trascorrendo una settimana di “vacanza” nella struttura nota come “Knapp House” a Northam, vicino Bideford, assieme alla sua famiglia. Ne era appena stata denunciata la scomparsa alla Polizia.

Secondo un uomo del posto che ha contribuito alle operazioni di ricerca, tra la segnalazione della scomparsa del bambino e il suo ritrovamento sono trascorsi 90 minuti. “Suo padre lo aveva visto l’ultima volta alle 13.30”, racconta. “Per qualche motivo dev’essere entrato nell’area della piscina. Che io sappia viene aperta solo quando c’è il personale di sicurezza”. Un portavoce del Devon Narcotics Anonymous Campout Committee, che da 6 anni organizza quel “soggiorno” per persone affette da gravi forme di dipendenza e relativi familiari, ha dichiarato che “qualcosa è andato terribilmente storto” nel rendere omaggio alla giovanissima vittima. “Non ci sono parole”, commenta un amico della famiglia colpita da questa tragica disgrazia. “Era un bambino fantastico”. Spetta ora alla Polizia locale ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

EDS