Bimba sparita durante il matrimonio, fermato un uomo

La piccola Maelys (Websource/archivio)

Questa mattina la polizia francese ha fermato un uomo di 24 anni implicato non si sa ancora a che titolo nella scomparsa di Maelys, la bambina di 9 anni sparita domenica durante una festa di matrimonio a Pont-de-Beauvoisin, nel dipartimento dell’Isère. L’arrestato si trovava proprio dove è stata vista per l’ultima volta la piccola ed è già stato sentito dagli inquirenti.

Non mancano nel frattempo le polemiche dato che incredibilmente non è scattato il piano d’emergenza previsto nei casi di sequestro di minori. “Non si può escludere l’incidente o la fuga finita male, e nessuno ha visto nulla”. Sono queste le ragioni addotte dal magistrato Dietlind Baudoin che ha spiegato così i motivi per i quali non è scattato il piano di mobilitazione generale previsto per i rapimenti dei bambini. In compenso, spiega il magistrato, sono stati emessi avvisi di ricerca, sono stati interrogati uno ad uno i 180 invitati della festa, e presto saranno sentite altre decine di persone che stavano partecipando – nella stessa serata – ad altri due eventi che si svolgevano praticamente nello stesso luogo.

Sembrava esserci stata una svolta quando i cani addestrati hanno cominciato ad abbaiare nella zona del parcheggio. Poi però hanno smesso. I poliziotti credono che la piccola Maeylis sia passata proprio in quel punto, vicino alle auto in sosta. Ma nessuno al momento può dimostrare che sia stata portata via da un’auto.

F.B.