Lamezia Terme, bimbo di 18 mesi annega nella piscina gonfiabile

(Websource/archivio)

Terribile tragedia a Lamezia Terme, in località Marinella Cafarone, in una zona residenziale a pochi passi dal mare. Un pomeriggio di divertimento in famiglia si è trasformato in tragedia. Forse a causa di un attimo di distrazione da parte dei giovani genitori, un bambino di soli 18 mesi che stava giocando in una piscinetta gonfiabile in giardino è annegato in quei pochi centimetri d’acqua. Quando si sono accorti di quello che stava accadendo i genitori lo hanno tirato fuori dall’acqua e la situazione è subito apparsa disperata. Quando è giunta sul posto l’ambulanza del 118 i sanitari hanno provato in ogni modo a rianimare il bambino ma tutti i loro sforzi si sono rivelati vani.

Dopo l’esame del medico legale la salma del bimbo è stata subito restituita ai genitori poiché evidentemente il magistrato di turno non ha ravvisato alcuna responsabilità nell’accaduto. I genitori, una coppia di professionisti molto noti in città, sono ancora sotto choc e intorno a loro si sono stretti tantissimi parenti ed amici ancora increduli per l’immane tragedia che li ha colpiti. La piccola vittima si chiama Antonio Cavalieri e in base ad una prima ricostruzione dei fatti sarebbe accidentalmente scivolato mentre giocava senza poi riuscire più a risollevarsi. Sui dettagli non verranno svolte ulteriori indagini quindi probabilmente non si saprà mai per quanto tempo il piccolo è rimasto sott’acqua.

F.B.