Maëlys, rilasciati i due sospetti: “Continuiamo a cercarla”

(Websource / Daily Mail)

Sono stati rilasciati ieri sera i due uomini trattenuti in stato di fermo dalla gendarmeria francese nell’ambito delle indagini sulla scomparsa di Maëlys de Araujo, la bimba di 9 anni di cui non si hanno più notizie dalla notte tra sabato e domenica scorsa, quando ha partecipato a una festa per un ricevimento di nozze a Pont-de-Beauvoisin, nell’Isère (sud-est del Paese). A riferirlo è stato l’avvocato di uno dei due, Bernard Méraud. Entrambi, come precisano i colleghi di France Info citando vicine all’indagine, sono stati rilasciati senza accuse a loro carico.

I due sospettati, entrambi di 34 anni e amici fra loro, sono stati interrogati per due giorni. Uno di loro era presente al matrimonio durante il quale la piccola è sparita. Intanto, oggi gli abitanti della cittadina si sono dati appuntamento in piazza, cartine geografiche alla mano, e sono partiti alla ricerca di Maelys. L’iniziativa è stata organizzata dagli stessi abitanti: centinaia di volontari hanno risposto all’appello lanciato via Facebook e partecipano alle ricerche. La cercano nelle strade, nei prati, nei campi di mais circostanti. “Non si può attendere con le braccia incrociate. mi metto nei panni dei genitori: se fosse successo a me, vorrei che tutti si mettessero in moto”, ha spiegato ai media francesi uno dei partecipanti. “Non è una nostra iniziativa, ma è la benvenuta”, ha commentato il comandante della gendarmeria Jean Pertué.

Le indagini ora ripartono da zero. Il procuratore del comune francese di Bourgoin-Jallieu che segue il caso, Dietlind Baudoin, ha dichiarato all’Afp che per il momento nessuna pista può essere esclusa, privilegiata o scartata. Le ricerche sono in corso da domenica mattina ovunque, dai boschi circostanti alle condutture delle fogne. Negli ultimi giorni gli investigatori hanno sentito tutte le 250 persone che hanno partecipato al matrimonio e a due feste vicino al luogo della scomparsa. Il timore degli inquirenti, però, è che sia stata portata via in auto.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

EDS