Guardate queste tre bambine, c’era una possibilità su 200 milioni

(websource/dailymail)

Tre figli identici come Erica, Claudia ed Ava sono un fenomeno davvero raro. Secondo gli scienziati è un evento che ha le probabilità di una su 200 milioni. Potete quindi immaginare la sorpresa e lo stupore di di Jane Wregley quando ha scoperto che le sue tre figlie erano gemelle perfettamente identiche tra loro. I dottori hanno spiegato l’incredibile caso specificando che l’embrione si è diviso subito dopo il concepimento così come avviene quando si ha a che fare con un parto gemellare. Ma la cosa straordinaria è che uno degli embrioni, nati dalla divisione, si è a sua volta diviso permettendo quindi la nascita di tre bambine completamente uguali. Jane e suo marito Oscar, pilota di linea di 54 anni, hanno scoperto di aspettare tre bambine subito dopo le prime ecografie. Il fatto che tutti condividessero una placenta aveva permesso ai medici di anticipare che le tre erano identiche. Queste le parole di Jane: “Oscar ha sentito i tre battiti cardiaci, è stato uno shock. La prospettiva era un po’ scoraggiante perché ho 41 anni e già ho una bambina di un anno, Matilda. Quell’ecografia mi ha fatto capire che sarei stata madre di quattro bambini sotto i 18 mesi, ma alla fine siamo entusiasti di poter avere questa opportunità”.
Dopo ventinove settimane di gravidanza, Jane ha subito alcune complicazioni ma con l’aiuto dei medici è riuscita a superare questo momento difficile e così le tre bimbe sono nate tre settimane dopo, nel gennaio dello scorso anno, grazie ad un parto cesareo. Le piccole sono state tenute in ospedale per due mesi ma ora stanno benissimo. Jane ha detto: “È stato stupendo vederle nascere. Quando le ho tenute per la prima volta è stata una sensazione meravigliosa. Ero sollevata perché stavano tutte bene”. All’inizio era difficile distinguerle, ha ammesso: “Abbiamo deciso di dipingere le unghie dei piedi. Era l’unico modo per essere assolutamente sicuri di chi fosse chi”. Ora dopo 16 mesi il compito è più facile perché le piccole stanno sviluppando le proprie personalità. Erica è quella più affettuosa, Claudia l’indipendente mentre Ava è quella più audace.

C.C.