La Florida attende l’uragano Irma: evacuazione da record

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:34
(Joe Raedle/Getty Images)

L’uragano Irma, che ha praticamente raso al suolo Barbuda e messo in ginocchio tutte le isole caraibiche, da Cuba si sposta ora verso la Florida. Il bilancio dei morti resta fermo a 24 vittime, con decine e decine di feriti, intanto il governatore dello stato americano, Rick Scott, si è nuovamente rivolto alla popolazione: “Se avete ricevuto l’ordine di evacuazione, andate via adesso. Non stasera, ma adesso. Una volta che sarà arrivato l’uragano, ricordate che le autorità non vi potranno mettere in salvo. Non si sopravvive a questa tempesta, è una situazione potenzialmente mortale. Noi faremo tutto quello che possiamo, ma non potremo farlo una volta che sarà arrivata Irma”.

Per ragioni di sicurezza, il numero delle persone fatte evacuare è di 5,6 milioni, a cui vanno aggiunti 540mila residenti della fascia costiera della Georgia. Sei milioni di americani, dunque, stanno lasciando le loro case a causa del rischio che la violenza dell’uragano possa fare nuove vittime. Le stime parlano poi di nove milioni di persone che resteranno senza elettricità. Secondo il National Hurricane Center l’intensità fluttuerà, ma già a Miami si parla di “esodo biblico”. Uno dei problemi più rilevanti riguarda le gru disposte nella capitale della Florida, che sono 25 e pesano fino a 15 tonnellate: potrebbero cedere e la gravità dei danni che provocherebbero è difficilmente stimabile. La categoria dell’uragano considerato il più violento che si ricordi, rimasta per 37 ore consecutive a quota cinque su cinque della scala Saffir-Simpson, ora è stata abbassata a quota quattro. In ogni caso, i venti questa mattina hanno toccato i 215 chilometri orari.

GM