(Websource/Archivio)

A nulla è servita la corsa all’ospedale di Treviso, Roberto D’Agostin, 27 anni, è morto questa notte alle 2.27 in seguito all’incidente avuto con la sua 500. Dopo aver finito il suo turno come barista al pub ‘Perbakko’ di Pieve di Soligo (Treviso), il ragazzo stava facendo ritorno a casa per il meritato riposto. Durante il tragitto, però, Roberto ha perso il controllo della sua auto e si è andato a scontrare contro la cuspide di un guardrail che delimita la provinciale 4. L’urto è stato talmente violento da piegare la barriera e far schiantare l’utilitaria contro una ringhiera che serve da protezione alla pista ciclabile.

Arrivati sul luogo del sinistro, i soccorsi hanno avuto bisogno delle cesoie per estrarlo dalle lamiere, ma ciò nonostante si nutrivano delle speranze di salvezza: quando i vigili del fuoco in collaborazione con i carabinieri hanno estratto il giovane dall’auto era ancora in vita. Trasportato d’emergenza al pronto soccorso dell’ospedale di Treviso Roberto è stato ricoverato subito nel reparto di terapia intensiva, qui, nonostante gli svariati tentativi dei medici, il suo cuore ha smesso di battere.

Nel frattempo i vigili del fuoco hanno rimosso il veicolo e messo in sicurezza il tratto (operazione che ha richiesto 3 ore) e i carabinieri si sono occupati di ricostruire la dinamica dell’incidente, probabilmente dovuto ad un colpo di sonno.

F.S.