Trascinata e uccisa, il giudice non crede al racconto del fidanzato

Alessandra Madonna
(Twitter)

Giuseppe Varriale, il 24enne accusato di aver provocato l’atroce morte della fidanzata Alessandra Madonna, sua coetanea, rimane agli arresti domiciliari. Lo ha deciso il gip Barbara Del Pizzo della Procura Napoli nord che non ha creduto al racconto del ragazzo e ha confermato l’accusa di omicidio volontario. Varriale nel corso dell’ultimo interrogatorio ha continuato a sostenere di «non essersi accorto che Alessandra si era aggrappata alla sua autovettura» e ha poi ricostruito così ciò che è accaduto quel giorno: “Ho incontrato Alessandra in un locale di Coroglio. Ero lì per una festa di compleanno. Anche Alessandra si trovava in quel locale, ma per motivi di lavoro. Abbiamo scambiato qualche battuta, lei mi ha chiesto chiarimenti sulla rottura della nostra relazione. Le ho risposto di volerle ancora bene, ma che la storia era da ritenersi chiusa per diversità caratteriale. A quel punto – ha proseguito – sono tornato dai miei amici. Uscito dal locale, Alessandra ha provato a contattarmi telefonicamente. Almeno tre volte, ma non ho risposto alle sue chiamate. Me la sono ritrovata accanto con la sua auto nei pressi di Capodichino. Mi ha chiesto di fermarmi, ma ho preferito proseguire”.

“Una volta arrivato davanti al cancello del mio parco – ha aggiunto il giovane di Mugnano – ho notato l’auto di Alessandra. Lei è scesa e mi ha seguito a piedi fino al secondo cancello elettronico. Ho abbassato il finestrino del lato guida e le ho detto che non era il caso di insistere. Capendo che non aveva alcuna intenzione di lasciar perdere, ho deciso di andarmene per rincasare in un secondo momento. Così ho fatto inversione e me la sono trovata nuovamente sul lato sinistro. Avevo il finestrino abbassato e le ho ripetuto di andare via. A quel punto ho ingranato la marcia e sono partito, ma dopo pochi metri ho sentito un rumore di tacchi sull’asfalto, come se qualcuno mi stesse rincorrendo. Mi sono fermato e sono sceso dall’auto – ha concluso il 24enne – solo allora mi sono accorto che Alessandra era a terra, riversa in una pozza di sangue, con il volto rivolto verso l’alto. Nonostante la paura, l’ho presa in braccia e appoggiata prima sul sedile anteriore e poi posteriore. Poi la corsa in ospedale”.

Questo racconto non ha convinto il giudice che pur confermando l’accusa di omicidio volontario ha preferito comunque non aggravare la posizione del 24enne lasciandolo per il momento ai domiciliari.

F.B.