(Jack Taylor/Getty Images)

Ancora paura alla metro di Londra, dopo l’attentato di ieri: evacuata e chiusa per controllo la stazione Fulham Broadway. L’allarme è partito dal cinema che si trova nel centro commerciale. Non sono chiari i motivi della nuova allerta, nel frattempo nella giornata di oggi c’è stata un’operazione di polizia a Sunbury-on-Thames, nel Surrey, legata all’attentato che ha fatto una trentina di feriti. Evacuato per motivi precauzionali un edificio in Cavendish Road. Si tratta di una piccola località alle porte di Londra, sulle rive del Tamigi.

Nel frattempo, per quanto avvenuto ieri, la polizia di Kent ha tratto in arresto un giovanissimo, un 18enne di Dover, fermato nella zona del porto della cittadina sulla Manica. Sarebbe l’autore dell’attentato realizzato con un ordigno rudimentale. Si apprende questo dai media britannici, che sottolineano come il giovane sia nel commissariato locale in attesa di essere trasferito a Londra. A quanto pare era pronto a imbarcarsi su un traghetto per lasciare la Gran Bretagna, quando è stato bloccato. Non è la prima volta che miliziani jihadisti o comunque integralisti islamici usato il canale della Manica per entrare e uscire dal Regno Unito e sotto accusa finisce il sistema di sicurezza del porto di Dover.

“Aiutateci nelle indagini”

Dagli inquirenti arriva intanto l’appello a fornire informazioni utili dopo l’attacco terroristico di ieri: “La nostra indagine sta proseguendo a grande velocità, e la nostra priorità è identificare, localizzare ed arrestare i responsabili”, spiega il vice capo della polizia Mark Rowley, che coordina le squadre anti-terrorismo. In tutto solo ieri sono stati ascoltati 45 testimoni e acquisiti 77 video. Rowley ha aggiunto: “Centinaia di agenti stanno seguendo diverse piste, analizzando ore di riprese delle telecamere di sicurezza e parlando con i testimoni”. Poi ha ricordato: “Chiunque abbia informazioni è invitato a chiamare il numero verde dell’antiterrorismo o il numero delle emergenze, chiunque abbia immagini o video dell’attacco è esortato a scaricarli sui sito della polizia www.ukpoliceimageappeal.co.uk per essere analizzati dagli inquirenti”.

Potenziate le misure antiterrorismo

Potenziate infine le misure di sicurezza con centinaia di militari britannici che vengono dispiegati in queste ore a protezione di obiettivi sensibili. Neil Basu, tra i responsabili dell’anti-terrorismo, evidenzia: “Questa mattina abbiamo fatto un importante arresto nell’ambito della nostra inchiesta, ma pur essendo compiaciuti dei progressi fatti, l’indagine continua e il livello di allarme rimane al livello critico. La gente deve continuare a rimanere vigile mentre i nostri agenti continuano a lavorare a questa indagine complessa. In questo momento non cambieremo le misure protettive di sicurezza e i passi intrapresi per permettere la presenza di altri agenti armati”. Poi ha concluso: “Questo arresto porterà ad altre azioni da parte dei nostri investigatori. Per impellenti ragioni investigative noi non daremo nessuna ulteriore informazione al momento sull’uomo arrestato”.

GM