“Cresci in fretta, piccola mia…” ma la lascia sola con i pitbull – FOTO

(Facebook)

La vicenda di Victoria, la bimba di un anno aggredita e sbranata da due cani nel cortile di casa, ha riacceso le polemiche sulla pericolosità di alcune razze. Il dramma si è consumato a Flero, piccolo centro in provincia di Brescia. I Carabinieri hanno confermato il decesso della piccola e stanno ora accertando la dinamica della tragedia. Secondo una prima ricostruzione, la bambina, di origine straniera, è stata azzannata dai suoi due pitbull  mentre stava giocando davanti casa. Il nonno avrebbe cercato di salvare la nipotina, ma è stato a sua volta morso. “Ho fatto di tutto per salvarla” avrebbe detto disperato dopo la tragedia.

Victoria abitava con la mamma Olga e con il nonno, ma sembra che la famiglia stesse per trasferirsi in Germania, dove da qualche tempo vive il compagno della donna, Egi Zikaj, che ha trovato lavoro in quel Paese dopo essere stato licenziato in Italia. I cani sembra fossero proprio del giovane papà, come testimoniano alcuni vicini, che dicono: “Solo il papà della bambina sapeva gestire quei due cani”. Inoltre, diversi vicini hanno raccontato che quei due cani erano già stati segnalati per la loro pericolosità.

Il dramma della piccola Victoria, che in alcune foto su Facebook è stata fotografata dai genitori mentre gioca con uno dei pitbull, si è consumato nel tardo pomeriggio di ieri. Quando i militari dell’Arma dei Carabinieri, allertati dai vicini, sono giunti sul posto hanno dovuto abbattere i due cani, poiché impedivano i soccorsi. Il nonno di Victoria era in un lago di sangue, per la piccola non c’era oramai più nulla da fare. Nel post di Facebook in cui si vede insieme al cane la mamma aveva scritto: “Cresci in fretta piccola mia”. pArole che adesso fanno davvero venire i brividi.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM