Nicolina, parla l’amica: “Ecco la verità sulla mamma e quella fuga in Toscana”

Nicolina Pacini Donatella Rago Ischitella foggia spari faccia
Donatella Rago con la povera Nicolina Pacini (Facebook)

Nicolina Pacini è morta questa mattina alle 7 dopo l’ennesimo arresto cardiaco. La 15enne di Ischitella era stata aggredita a colpi di pistola sul volto da Antonio Di Paola, ex compagno della madre Donatella Rago. In queste ore convulse si stanno susseguendo le voci in merito alle indagini sul movente dell’omicidio e sul passato di Nicolina e della sua famiglia. La figura della madre è al centro anche di forti polemiche soprattutto per il fatto di aver scritto su Facebook mentre la figlia lottava tra la vita e la morte.

Proprio per questo motivo abbiamo contattato un’amica di famiglia che conosce bene sia Nicolina sia Donatella. La donna, che preferisce mantenere l’anonimato, è stata molto chiara. Ecco la nostra intervista esclusiva.

Molti in queste ore stanno attaccando su Facebook Donatella per non essere stata vicina alla figlia. Può dirmi il vero motivo per cui Donatella era a Viareggio e i figli erano rimasti a Ischitella? “Mia madre era amica di Donatella da tanti anni. Lei è una bravissima madre ed è stata sempre vicino ai suoi figli e da quanto so io é scappata per paura. I servizi sociali hanno dato l’affidamento di Nicolina e del fratello ai nonni per motivi economici. Da quando la conosco non ha mai lasciato a nessuno i suoi figli, li ha sempre tenuti vicino a lei. Non posso aggiungere altro perché non ho avuto più notizie, mi aveva detto una settimana fa di chiamarla. Però non l’ho più sentita”

Antonio era stato già violento con Donatella o con Nicolina in passato che lei sappia? Si parla di minacce con un coltello avvenute qualche tempo fa. “Questo non lo posso sapere. Posso dire però che Donatella non mi parlava mai di lui”.

Molti dicono che Donatella in Toscana avesse trovato un nuovo amore e iniziato di fatto una nuova vita. E che fosse anche per questo che Antonio avesse perso la testa pazzo di gelosia. Questo lei può confermarlo? “Non credo proprio. Non è da lei. Non si trova un amore così facilmente. Se lui era violento credo che sia scappata per questo, per paura. Non do certo in fuga per amore”.

Può dirmi qualcosa di Nicolina? Che ragazza era? Come me la può descrivere? “Nicolina era una ragazza dolcissima. L’ho conosciuta da piccola, si giocava insieme, si andava al mare. Veniva spesso a casa mia, era una ragazza tranquilla. Aveva una vita davanti, mi dispiace molto per quello che è successo”.

F.B.