Madre brucia la figlioletta sul barbecue: “Solo così può andare in cielo”

(Websource/metro.co.uk)

Alcuni soccorritori hanno rinvenuto i resti carbonizzati di una bambina di 2 anni su di un barbecue. Ora stanno esaminando il tutto per cercare di capire se quanto fatto dalla madre, ritenuta colpevole, sia stato compiuto quando la povera bambina era ancora viva. A trovare il corpo carbonizzato sono stati i vigili dei fuoco e la polizia domenica sera a Zemst, una città situata a nord di Bruxelles, in Belgio. Ad allertare le forze dell’ordine era stato del fumo che fuoriusciva dal garage di una abitazione. Oltre i tre quarti del cadavere erano completamente carbonizzati. Secondo i media locali, alcuni vicini avrebbero sentito la piccola urlare poco prima che il fuoco venisse acceso.

E’ pazza

La madre 27enne ha detto ai poliziotti che aveva dovuto bruciare la figlioletta, solo in questo modo sarebbe riuscita ad entrare in cielo. Il nome della donna non è stato reso noto per motivi di privacy e la stessa è stata condotta in ospedale poiché presentava i sintomi di una grave intossicazione da monossido di carbonio. A causa dell’evidente alterazione fisica e mentale, la polizia non ha ancora proceduto con l’interrogatorio della giovane, che è stata comunque formalmente indagata per omicidio. Sia gli agenti che il pubblico ministero stanno indagando per capire se la bambina fosse morta prima di essere messa sul barbecue. E’ già stato condotto un esame autoptico, del quale però non sono stati diffusi i risultati. Secondo lo psichiatra Hans Hellebuyck “è difficile intuire ciò che avviene esattamente nella mente di persone che si comportano in questo modo”. I deliri della madre indicano comunque chiaramente dei gravi problemi psichiatrici.

S.L.

TUTTE LE NEWS DI OGGI