(foto dal web)

Gli scienziati hanno immortalato le immagini sconvolgenti di un macaco Tonkean che mangiava il suo bambino morto dopo averlo tenuto legato al suo corpo mummificato per diverse settimane. Le immagini raccapriccianti sono state osservate dai ricercatori del Parco Faunistico di Piano dell’Abatino in Italia. Questi primati, nativi dell’Asia sudorientale, sono noti per trasportare i loro corpi di vita senza vita per ore o giorni. Non è chiaro se lo fanno per dolore o semplicemente non capiscono che la loro prole è morta. Le scimmie spesso tengono con loro il loro amato figlio fino a quando il suo piccolo corpo si disintegra.

Ma stavolta Evalyne, la mamma macaco, dopo aver tenuto il figlio con se per 28 giorni, ne ha poi divorato il corpo decomposto. Lo studio è stato pubblicato dalla rivista ‘Primate’, che ha evidenziato come mamma macaco abbia lasciato un solo osso del piccolo scheletro del figlio ormai decomposto. L’atto può sembrare inquietante per gli esseri umani, ma è ancora più curioso per il fatto che i macachi Tonkean sono una specie vegetariana e non sono mai stati visti mangiare carne. Arianna De Marco, un biologo evolutivo della Fondazione Ethoikos che ha condotto la ricerca, ha riferito al National Geographic cosa è accaduto dopo la morte del figlio di Evalyne, di appena quattro giorni.

La ricercatrice ha infatti evidenziato: “Il caso oggetto di studio supporta questa ipotesi: il neonato è morto alla fine dell’inverno durante un periodo di tempo asciutto. Il corpo si è così seccato e in gran parte ha conservato la sua forma. La persistenza del comportamento materno è una testimonianza dell’attaccamento della madre al suo bambino. Viceversa, è probabile che la successiva disintegrazione del cadavere e il crollo della forma corporea hanno portato progressivamente alla fine di comportamenti attenti”.

GUARDA FOTO

GM