“Allah Akbar” donne sgozzate e pugnalate in strada a Marsiglia

donne sgozzate a Marsiglia
(Archivio/Websource)

Un attacco armato è avvenuto alla stazione di Saint-Charles. Due donne sono state sgozzate a Marsiglia. Sono morte tre persone durante la sparatoria. Un uomo ha attaccato con un coltello i passanti uccidendo le donne. I morti sono dunque l’attentatore, ucciso dai militari dell’operazione anti-terrorismo Sentinelle, e le due donne accoltellate. In particolare, secondo Bfm-tv, una è stata sgozzata e l’altra pugnalata. I testimoni raccontano di aver sentito l’aggressore gridare “Allah u Akbar” prima di essere ucciso.
L’aggressore sarebbe un nordafricano tra i venticinque e i trent’anni.
Secondo la polizia si tratterebbe di un atto terroristico. Nel frattempo le forze dell’ordine hanno avvisato che è in corso un’operazione di sicurezza ed hanno esortato ad evitare la zona, evacuando immediatamente la struttura.
Su Twitter, la Sncf, società delle ferrovie francesi, ha annunciato che il traffico in entrata e uscita dalla stazione “è interrotto”.
Gérard Collomb, il ministro dell’interno francese ha annunciato che si recherà immediatamente sul posto. Sarà una “mobilitazione totale dello Stato al fianco dei marsigliesi”, ha invece dichiarato Christophe Castaner, portavoce del Governo.

Solo pochi giorni fa quattro studentesse sono state aggredite con dell’acido alla stazione di Marsiglia.
Pochissimi giorni dopo nella cittadina francese ancora sangue. E ancora paura si è diffusa tra gli abitanti per un’auto che si è lanciata a tutta velocità contro due fermate dell’autobus.
Nella stessa stazione di Saint-Charles di Marsiglia fu arrestato anni fa per la strage del museo ebraico di Bruxelles, Mehdi Nemmouche, collegato ad un’impresa terroristica e seguace della jihad islamica in Siria.
BC