Noemi Durini, la mamma ritrova un cellulare della figlia

 

(Websource/archivio)

 

A pochi giorni dai risultati dell’autopsia effettuati sul corpo della ragazza e  che evidenziano tutta la ferocia con la quale è stata uccisa Noemi Durini, è stata la madre della ragazza a trovare il vecchio i phone della figlia, che potrà forse aggiungere informazioni al caso dell’omicidio di Specchia.
La giovane sedicenne fu uccisa il 3 settembre dal suo fidanzato diciassettenne, Lucio Marzo, arrestato con l’accusa di omicidio premeditato. Il giovane avrebbe prima picchiato e poi accoltellato l’adolescente, occultandone infine il cadavere nelle campagne di Castrignano del Capo.
In queste ore la Procura per i minorenni di Lecce ha disposto il sequestro e l’acquisizione dell’iPhone trovato dalla madre della ragazza.
Noemi utilizzava quel telefonino fin dal giugno scorso e ora la magistratura disporrà sul dispositivo accertamenti tecnici per “riscontrare l’effettiva disponibilità del telefonino da parte della vittima in un’epoca prossima ai fatti oggetto di indagine” ed eventuali “riscontri tra vittima e indagato in un’epoca precedente all’omicidio” per “ricostruire l’esatta dinamica degli eventi e tutte le circostanze relative ai fatti di reato”.
La madre della giovane ha avvertito la Procura del ritrovamento tramite il proprio legale, l’avvocato Mario Blandolino, dando avvio così al sequestro e all’acquisizione dell’iPhone, che rimarrà custodito nell’ufficio Corpi di reato dell’Autorità giudiziaria.

L’atto è stato notificato all’indagato, il fidanzato diciassettenne omicida reo confesso di Noemi, e alle parti offese nell’inchiesta.
Non sono ancora del tutto chiari  alcuni aspetti di questa vicenda, come ad esempio l’arma del delitto, un frammento della quale è stato rinvenuto nella nuca della giovane. Inoltre, un’auto sospetta quella mattina del 3 settembre avrebbe seguito la vettura guidata da Lucio Marzo, minorenne e senza patente all’epoca dei fatti. Di una Seat Ibiza vecchio modello inoltre aveva parlato nei giorni scorsi un testimone.
L’ultima immagine di Noemi quella mattina è quella filmata da una telecamera di sorveglianza. Sono le 5 e la giovane sale su Fiat 500 bianca, alla cui guida c’è il fidanzato.
BC