Mistero su una studentessa uccisa dopo un party, la polizia indaga – VIDEO

studentessa uccisa
(Websource/metro.co.uk)

E’ stata aperta una inchiesta relativa alla studentessa uccisa ad Oakland, negli Stati Uniti. Le forze dell’ordine non hanno dubbi sul fatto che la 20enne Alina Sheykhet sia morta per opera di un misterioso assassino, dopo averne ritrovato il corpo all’interno del suo appartamento con cui viveva assieme ad altri studenti del college di Pittsburgh. L’allarme è scattato dopo aver constatato che la ragazza non rispondeva alle chiamate, risultando improvvisamente irreperibile. La polizia ritiene che la causa della morte sia dovuta ad un forte colpo inferto con un colpo contundente. Un portavoce delle autorità ha affermato: “Quando i nostri ufficiali ed i paramedici sono giunti sulla scena, abbiamo concordato sul fatto che tutto sia legato sicuramente ad un omicidio. La studentessa uccisa viveva al secondo piano del palazzo in questione, i nostri investigatori sono al lavoro per reperire tutte le informazioni necessarie. E sembra che il decesso sia avvenuto in seguito ad un forte trauma”.

Studentessa uccisa, ancora tante le domande

Alina potrebbe aver aperto la porta dell’appartamento in un momento sbagliato, aver visto qualcosa che non doveva vedere. La giovane è stata trovata dopo che i suoi genitori erano andati a trovarla ma nessuno aveva aperto loro la porta. Il padre ha sfondato la porta allora, trovando la figlia a terra sul pavimento, già morta. Gli altri coinquilini dormivano, e alla polizia hanno raccontato che nel fine settimana c’era stata una festa in casa. L’Università di Pittsburgh ha confermato la morte della sua studentessa diramando una breve nota: “Confermiamo che c’è una nostra studentessa uccisa, della qual cosa è già stata informata la famiglia. La polizia non crede che la situazione, che si è verificata al di fuori del campus, costituisca una ulteriore minaccia per la comunità universitaria. Rivolgiamo alla famiglia di Alina tutto il nostro cordoglio”. Ed in relazione a questo caso non c’è ancora alcun indagato. Aveva fatto discutere solamente due settimane fa invece il caso di un’altra studentessa. Nessun omicidio in questo caso, ma solo tanta vergogna per la protagonista della vicenda.

S.L.

Guarda il video