Amava il calcio e la boxe: Andrea stroncato da un male incurabile

Andrea Attorresi
Andrea Attorresi (Facebook)

Una morte prematura quella di Andrea Attorresi di 28 anni, un giovane sportivo, residente a Lapedona. Il ragazzo è morto in pochi giorni, stroncato da una malattia incurabile che si è palesata troppo tardi per poter tentare qualsiasi tipo di terapia. Di recente, Andrea Attorresi aveva militato nella Monterubbianese Calcio di Monterubbiano, ma grande era anche la sua passione per lo sport, come ricordano i suoi amici della Boxing Club di Castelfidardo che frequentava regolarmente.

L’associazione sportiva lo ricorda così: “Peso super massimo ha disputato con i nostri colori 3,4 match negli anni scorsi con l’intenzione di riprendere l’attività agonistica. Sportivo,ragazzo impeccabile, gentile, seguito dal tecnico Simone Mora fu anche avversario di Giacomo Latini. Siamo sicuri che da lassù ci indichi ancora la strada per tirare il famoso destro perfetto. R.i.p. campione di vita e gigante buono”. Un altro post sottolinea: “Vogliamo ricordarlo così, con il sorriso. In questo momento di grandissimo dolore, siamo vicini alla famiglia e a tutti i suoi amici”. Messaggi di cordoglio arrivano da tutto il mondo del calcio dilettantistico marchigiano.

Il 28enne era ricoverato all’ospedale civile Mazzoni di Ascoli Piceno. Subito dopo il decesso, la sua salma è stata trasferita presso la Casa del Commiato che si trova nella zona di Monterubbiano. Figlio di Giancarlo, dirigente della Monterubbianese, e di mamma Mirella, Andrea Attorresi verrà salutato per l’ultima volta domani mattina a Lapedona. In queste ore, è venuta a mancare anche una giovane donna, Rossella Enzo: per oltre un anno ha combattuto con coraggio contro una malattia ed il mese prossimo sarebbe convolata a nozze con il suo compagno.

GM