Milan, Montella replica a Berlusconi: “I suoi consigli non mi piacevano”

Vincenzo Montella (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Dal 13 aprile 2017 il Milan non è più di proprietà di Silvio Berlusconi, che però di recente è tornato a parlare del suo ex club non mancando di esporre delle critiche nei confronti della società e dell’allenatore.

Se a Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli è stato imputato il fatto di aver condotto un calciomercato con troppi nuovi acquisti e nessun vero campione, invece Vincenzo Montella è stato accusato di sbagliare scelte tecniche, di non dare un gioco alla squadra e di non ascoltare i consigli dell’ex presidente quando era ancora in carica. Una bocciatura completa da parte di Berlusconi al ‘nuovo Milan’.

Se la società rossonera non ha voluto alimentare polemiche, invece Montella ha parlato senza peli sulla lingua in occasione della ‘Notte delle Stelle’ presso Casinò di Campione d’Italia: “Ha il diritto di dire ciò che vuole, da parte mia c’è sempre il massimo ascolto. Ascolto tutti i consigli, ma sono sempre io a decidere. Le mie scelte devono essere autonome. Mi piace ascoltare ed elaborare i consigli, quelli di Berlusconi dello scorso anno non mi piacevano molto, mentre altri li faccio miei e li utilizzo“.

Tra Montella e Berlusconi non c’è mai stato feeling. L’ex presidente era amante del modulo 4-3-1-2 con un trequartista fantasista alle spalle di due attaccanti, mentre il mister rossonero nella passata stagione ha quasi sempre schierato il 4-3-3 e a volte il 3-5-2, assetto che sta adottando con continuità negli ultimi tempi. I consigli dell’ex patron sono stati ascoltati dall’allenatore, il quale ha però sempre rivendicato il proprio ruolo e la volontà di essere autonomo nelle decisioni. Non ha mai mancato di prendersi le proprie responsabilità anche nei momenti complicati.

E adesso il Milan vive proprio un periodo negativo, considerando le due sconfitte consecutive dalle quali arriva. Il derby contro l’Inter di domenica a San Siro rischia di diventare già decisivo per le sorti della stagione. Siamo solo all’ottava giornata, però un k.o. contro i rivali nerazzurri rischia di avere contraccolpi negativi rilevanti. Dovrà essere bravo Montella ad evitarli, riconquistando tre punti che rilancerebbero le ambizioni rossonere.

 

Matteo Bellan