Uccise un uomo e si vantò su Fb: chiesti 30 anni per Alex Orfei

Alex Orfei
Alex Orfei (Websource/archivio)

Alex Orfei, 31 anni, è uno dei tanti componenti della famosa famiglia di circensi. Il suo nome purtroppo per lui è però diventato famoso non per il suo circo, ma per quello che fece nell’agosto del 2016. Orfei, dopo una lite per vecchie ruggini tra le due famiglie, uccise con una coltellata Werner De Bianchi, 36 anni, a Santa Domenica di Ricadi (Vibo Valentia). Mentre l’uomo veniva operato e moriva poco dopo che i medici gli avevano estratto il coltello che aveva ancora conficcato nel corpo, Alex Orfei pensò bene di vantarsi su Facebook di quello che aveva fatto scrivendo questo post: “E uno saccagnato, ora tocca all’altro”. Il riferimento era al fratello della vittima che probabilmente era stato anch’egli messo nel mirino di Orfei.

L’arresto fu immediato e le indagini hanno dimostrato che l’omicidio fu commesso in concorso con tre rumeni dipendenti del circo di Alex Orfei. Oggi in aula il pubblico ministero  Benedetta Callea ha svolto una lunga requisitoria nella quale ha riportato anche tutto il pregresso rapporto di liti e problemi tra l’assassino e la sua vittima. Il pm inoltre ha sostenuto l’aggravante della premeditazione dato che Orfei e i suoi complici si erano presentati all’incontro con De Bianchi già armati di spranghe e coltelli. La Callea alla luce di tutti gli elementi ha dunque chiesto la condanna a 30 anni di carcere per Alex Orfei. Il prossimo 16 novembre ci sarà l’arringa difensiva del suo avvocato. I suoi complici stanno invece subendo un processo con rito ordinario davanti la Corte d’Assise di Catanzaro.

F.B.

.