Asia Argento: “Quella volta, avevo 16 anni, un regista si spogliò nella roulotte”

(foto dal web)

Asia Argento torna a parlare di violenza sessuale e su Twitter cita “quella volta che un regista/attore italiano tirò fuori il suo pene quando avevo 16 anni nella sue roulotte mentre parlavamo del personaggio”. Successivamente spiega che “questo è il momento di parlare non di minimizzare”. Poi Asia Argento, che ha raccolto molti attestati di solidarietà ma anche polemiche, racconta un terzo caso di violenza quando aveva 26 anni e “un grosso regista statunitense (con il complesso di Napoleone) mi dette la droga dello stupro e mi violentò mentre ero incosciente”.

Nel frattempo, per Harvey Weinstein – accusato anche da altre star del cinema – i guai non sembrano finire: licenziato in tronco, ripudiato dalla moglie e dal fratello, cacciato dal club degli Oscar, si ritrova ora senza la Legion d’Onore per volontà del presidente francese Emmanuel Macron. Mia Farrow ha commentato così questi ultimi accadimenti, che hanno segnato Hollywood: “È la fine di un’era terribile. Harvey è fuori. Ora ce ne sono altri”. Dall’altra parte, si schiera l’ex marito di Mia Farrow, il regista Woody Allen, peraltro anche egli accusa in passato di molestie verso la figlia minorenne adottiva. Ha detto Woody Allen: “Ho sentito in passato alcune voci sui comportamenti di Weinstein, ma non queste storie orribili che stanno venendo fuori adesso”.

Harvey Weinstein è accusato di abusi anche fuori da Hollywood: nel Regno Unito, deve rispondere di quattro violenze, con Scotland Yard che sta indagando su altri tre episodi. La vicenda è diventata peraltro politica, con Hillary Clinton che ha colto l’occasione per criticare Donald Trump: “Abbiamo appena eletto alla presidenza una persona che ha ammesso molestie sessuali…”. Il presidente Usa intervistato alla Fox News da Tomi Lahren, popolare giornalista, ha replicato: “Hillary è un ipocrita, è ancora sposata con Bill”.

 

GM