Svizzera: ogni anno 43Kg d’oro finiscono nelle fognature

fognature
(Websource/archivio)

Incredibile ritrovamento in Svizzera dove gli scienziati dell’Istituto delle Tecnologie e delle Scienze Acquatiche (Eawag) hanno fatto una scoperta che ha lasciato tutti senza parole. Infatti pare che ogni anno finiscano  negli impianti di trattamento delle acque e si disperdano poi nelle fognature  circa 43 chilogrammi d’oro che corrispondono ad un valore di mercato di circa 1,8 milioni di dollari. Addirittura si legge nella pubblicazione scientifica che “in alcune zone, come nel Sud della regione del Ticino, le concentrazioni nei fanghi di depurazione sono così alte da giustificarne un recupero”.

Il fatto ha comunque una sua spiegazione. “Si spiega con la presenza delle tante raffinerie di oro nella regione” spiegano gli scienziati. Che poi ricordano come la Svizzera sia il più importante polo mondiale per la lavorazione e il trattamento dell’oro, con il 70% del prezioso minerale immesso sul mercato mondiale ogni anno che passa attraverso le raffinerie d’oro del Paese elvetico. Ma nelle fognature non c’è solo oro. Infatti dallo studio, che ha esaminato 64 impianti di trattamento acque in tutta la Svizzera, è emerso anche come ci siano nelle fognature anche circa 3.000 chilogrammi di argento, per un corrispettivo valore di 1,7 milioni di dollari. In questo caso i responsabili di questo scarico sono principalmente le industrie chimiche e farmaceutiche.

Lo studio non è fine a se stesso. Infatti, visto anche l’alto valore di quanto disperso nelle fognature, si sta pensando e sviluppando un modo per recuperare i metalli preziosi dagli impianti di trattamento acque.

F.B.