“Domenica In? Con le Parodi alla conduzione è inguardabile”

domenica in
(Websource/archivio)

Non usa mezze misure Fabrizio Del Noce nel definire ‘Domenica In’ “un programma assolutamente deprimente. L’ex direttore di Rai 1 afferma di provare vergogna nell’aver diretto la rete ammiraglia della televisione di Stato guardando allo stato attuale in cui, a suo dire, si ritrova ad essere uno dei programmi storici della tv italiana e che vanta numerosi decenni di presenza nel palinsesto. Del Noce si scaglia in particolare contro Cristina e Benedetta Parodi, che hanno assunto da quest’anno la conduzione di ‘Domenica In’. Ad Adnkronos un arrabbiatissimo Del Noce afferma in particolare: “Oggi mi godo la pensione in Portogallo ed ogni tanto mi capita di guardare da qui la televisione italiana, e Rai 1 in particolare. Ma guardando ‘Domenica In’ ho subito quasi un travaso di bile, la trasmissione non ha né capo né coda, è inguardabile e confusa. Cristina Parodi è una professionista, questo si, ma la sorella Benedetta non può fare tv, men che mai in un programma dall’aura mitologica e che in passato era stato nelle mani di Corrado, Raffaella Carrà e Pippo Baudo”.

Domenica In, così non va

Per Del Noce il confronto di ‘Domenica In’ come è oggi con quella che è stata la storia non regge: “Fa male al cuore vedere tutto questo, dopo aver dedicato tanti anni di lavoro in Rai. Spero che il nuovo direttore, Angelo Teodoli, faccia qualcosa al più presto. Ha lavorato con me per 7 anni facendomi da braccio destro, si tratta di una persona di assoluto valore e spero che riesca a portare avanti il suo pensiero ed a resistere alle pressioni, perché in Rai ce ne sono tante. In particolar modo su chi ricopre la carica di direttore della rete. Parliamo del resto di un bene pubblico che appartiene allo Stato ed agli italiani, ci sono tanti fattori da considerare tra pubblicità e stipendi dei dipendenti. Vedere programmi anche al sabato sera che fanno solo l’11% di share è segno che qualcosa non va. La tranquillità ai miei tempi era data almeno al 18%, con meno venivano chiusi”. Intanto un altro caso nel mondo dello spettacolo continua a far discutere: quello di Asia Argento e delle violenze che dice di aver subito dal produttore cinematografico Harvey Weinstein. L’attrice subisce ora nuove critiche.

S.L.