Livorno, 19enne americana muore in uno scontro frontale

(Websource / archivio)

Il ventenne alla guida dell’auto su cui viaggiava Elisabeth Jane Puliaski, 19 anni, morta ieri in uno scontro frontale a Vicarello nel Livornese, è stato arrestato per omicidio stradale. Il ragazzo, amico della giovane americana residente a Stagno (Livorno), stava riaccompagnando quest’ultima a casa dopo una notte trascorsa in discoteca quando, lungo la via Emilia, si è verificato il drammatico incidente. Alle 5,30 di ieri mattina la Fiat Punto Abarth sulla quale i due viaggiavano ha imboccato contromano una rotatoria e si è scontrata con una Ford Fusion condotta da un uomo di 46 anni residente a Cascina, che ha riportato solo ferite lievi, finendo poi in un fossato lungo la regionale 206.

Successivamente sottoposto all’alcol test, il ventenne è risultato positivo con un tasso tre volte superiore a quello consentito. Di qui l’arresto con l’accusa di omicidio stradale. Trasportato in ospedale a Cisanello con un trauma cranico, è adesso piantonato in ospedale. L’alta velocità, la nebbia e l’asfalto bagnato sarebbero tra le concause del terribile schianto. Elisabeth Jane Pulaski, figlia di un ex dipendente di Camp Darby e di un’infermiera, insegnava inglese e russo. Per lei, purtroppo, non c’è stato niente da fare: è morta per le gravissime ferite riportate.

La vittima dell’incidente (Websource / archivio)

EDS