La bimba è troppo vivace: la tata di 150Kg le si siede sopra per punizione

punizione
(Websource/archivio)

Una fine atroce quella della povera  Dericka Lindsay, una bimba di 9 anni residente in Florida. La piccola sabato scorso stava giocando e correndo per casa, cercando di esprimere tutta la vivacità e la voglia di vivere che aveva e che caratterizza i bambini di quell’età. Un comportamento poco gradito alla sua tata, Veronica Green Posey, 64 anni, una donna di oltre 150Kg di peso che aveva già richiamato più volte la bimba dicendole di smettere di fare tutto quel chiasso. Dopo l’ennesimo richiamo inascoltato la donna ha afferrato la bambina, l’ha buttata sul divano e le si è seduta sopra per 12 lunghi e interminabili minuti. La povera Dericka si lamentava, diceva di non riuscire più a respirare e implorava di poter uscire da quella morsa, ma niente da fare. Solo quando ha smesso di parlare la donna si è alzata e resasi conto di quello che aveva fatto ha provato a rianimare la bambina con un massaggio cardiaco rivelatosi del tutto inutile. Quando sono arrivati i sanitari con l’ambulanza infatti la bimba era già morta, stritolata dall’enorme peso della donna che doveva prendersi cura di lei.

«La morte di Dericka è spaventosa – ha detto Mike Carroll, segretario del Dipartimento che si occupa del benessere dei minori in Florida – Il nostro ufficio collaborerà con lo sceriffo perché si faccia luce sulla vicenda». Resta da capire il ruolo dei genitori della piccola che a quanto pare incredibilmente erano in casa e non hanno fatto nulla per evitare che la tragedia accadesse. Intanto la Posey è stata arrestata con le accuse di abuso su un minore e omicidio. E’ stata poi rilasciata dietro il pagamento della cauzione di 125mila dollari. I genitori della bimba al momento sono accusati soltanto di negligenza e si trovano in carcere con una cauzione fissata rispettivamente a 75.000 e 50.000 dollari.

F.B.